Come Creare Sito Web con WordPress da ZERO in modo Semplice

da | 22 Gen 2020 | Wordpress

siteground banner

Stai pensando di creare un sito web?

Se sei arrivato su questo articolo probabilmente è così, motivo per cui ho strutturato questa intera pagina al fine di indicarti tutti gli step. Come avrai già intuito si tratta di diverse fasi e le ripercorreremo insieme con l’obiettivo finale di chiarirti le idee sul tuo progetto online.

Le strade per creare un sito internet o creare un blog sono diverse, puoi affidarti ad un professionista oppure puoi acquisire alcune competenze e dedicarti tu stesso alla creazione del sito web. Questa scelta è del tutto soggettiva e dipende da diversi fattori.

Questa Guida nasce con l’obiettivo di dare uno schema di “buone azioni” da seguire così da permetterti di capire come creare un sito web da zero in modo semplice.

Sei pronto/a?

Creare sito web: Video Tutorial 2020

Creare sito web: tutti gli step

Quando si parte con il costruire un sito web è importante avere uno schema preciso da seguire, così da agevolarti nelle varie fasi e renderle così più semplici. Di seguito troverai il mio personale schema di passaggi, sentiti libero di lasciare un commento alla fine dell’articolo se hai dubbi o domande.

Come creare un sito web – step 1

Scegli un settore

creare-sito-web,-argomento

Se hai già un’attività probabilmente sai già in che settore ti andrai a collocare, per esempio se sei nel settore della fotografia per matrimoni su una determinata città, se sei un grafico freelance o tanto altro ancora. Conoscere il settore in cui ti vai a collocare è importantissimo perché in questo modo hai consapevolezza di:

  • I competitor che hai in quel settore, di conseguenza il livello di competitività.
  • Il budget che hai a disposizione per poter lanciare il sito e farlo crescere, che ovviamente è molto più basso se sei tu stesso a farlo.

Infatti, sono molte le Guide sul web che ti spiegano SOLO gli aspetti tecnici del come fare un sito internet, tralasciando la cosa che conta di più: una volta creato il sito come farlo conoscere al tuo pubblico?

Le risposte a questa domanda sono diverse, ma la principale riguarda l’ottimizzazione sui motori di ricerca, una parola magica che ti spiegherò via via.

Come creare un sito web – step 2

Analisi del pubblico

creare sito web, pubblico

Un altro aspetto spesso talvolta tralasciato e che invece riveste un grande ruolo è l’analisi del pubblico, cioè comprendere a chi ti rivolgi quando crei un sito web. Se sei un fotografo di matrimoni il tuo target saranno prevalentemente le donne di età intermedia, maggiori informazioni hai a riguardo e migliore sarà il tuo approccio comunicativo con le persone che ti seguono.

Ricorda il sito internet è prima di tutto uno spazio che crei al fine di dare un contributo a qualcuno, quindi tieni conto di questo quando lo crei e scrivi i tuoi contenuti.

Come creare un sito web – step 3

Tool per analizzare settore & pubblico

creare sito web, tool

Per comprendere al meglio il tuo settore e il tuo pubblico ti consiglio di utilizzare specifici programmi che ti consentono di capire quali sono gli argomenti più in voga tra il pubblico e tool SEO che ti consentono di capire quali sono le parole chiave più utilizzate e che magari potresti valutare per la registrazione del dominio.

I due programmi principali a cui mi riferisco sono:

  • Google trends: programma gratuito di Google che ti permette di studiare gli argomenti più gettonati.
  • Seozoom: tool SEO tutto italiano che ti consente di fare analisi a 360°, come analisi di settore, ricerca delle parole chiave, studio dei competitor e tanto altro.

Accedi a Seozoom, la prova è completamente gratuita ed è uno dei programmi migliori e più competitivi sul mercato.

Come creare un sito web – step 4

Scelta del nome di Dominio

creare-sito-web,-dominio

Questo step rappresenta la costruzione delle fondamenta della tua casa, infatti è la prima operazione concreta da compiere nella realizzazione di un sito web.

Come scegliere il dominio?

Il dominio è il nome che diamo al nostro sito web, per esempio www.nomedelsito.it ed è quindi il nome che l’utente utilizzerà per arrivare sulle nostre pagine.

Perché il dominio è importante?

La registrazione domini è una delle attività più sottovalutate nella creazione di un sito web, ma rappresenta in qualche modo la nostra carta identità, ecco perché bisogna prestare attenzione a quello che si sceglie.

Il mio consiglio è quello di scegliere il nome e acquistare un dominio in base al tuo brand, come nel caso che puoi vedere in alto, quindi www più il nome della tua azienda o nome personale se sei un libero professionista.

È comunque mio dovere dirti che inserire una parola chiave all’interno del dominio ha ancora una sua funzione sul lato SEO, seppur minore rispetto al passato, ma rappresenta ancora uno dei fattori di ranking su Google.

Il secondo elemento da considerare è lo spazio web, chiamato hosting, ahimè molti siti e blog validi sono legati ad hosting poco performanti e quindi vengono penalizzati sulla SEO. Ecco perché è fondamentale scegliere un hosting – in questo caso un Hosting WordPress – che abbia server veloci, spazio web a sufficienza per le tue attività e un’assistenza pronta ad aiutarti.

Il mio consiglio personale è quello di affidarti a Siteground: veloce, performante e dall’assistenza impeccabile.

Come creare un sito web – step 5

Progetta la struttura del tuo sito web

creare sito web, sviluppo

Con creare la struttura del sito web intendo proprio schematizzare le pagine prendendo carta e penna, o PC se sei più comodo, e scrivere tutte le pagine che vuoi creare, l’ordine che gli vuoi dare (la gerarchia), i vari titoli in base all’ottimizzazione che vuoi fare sui motori di ricerca e contenuti delle pagine – testi e media. Una volta organizzata prima la struttura sarà molto più semplice creare il tuo sito web.

Una possibile struttura di un sito web potrebbe essere:

Home

Chi sono

Servizi

  • Servizio 1
  • Servizio 2
  • Servizio 3

Blog

  • Categoria 1
  • Categoria 2
  • Categoria 3
  • Categoria 4
  • Categoria 5

Contatti/Consulenza

Questa struttura va ovviamente adattata al tuo settore, se ti occupi di fotografia potresti inserire una parte di portfolio, ancora meglio se divisa per categorie: fotografia sposa, fotografia bambini, fotografia turismo etc. Più crei ordine più l’utente potrà orientarsi al meglio sul tuo sito internet.

Consigli sulla creazione del Web Design

web design sito web

Una volta stabilito l’ordine e il contenuto delle tue pagine ti puoi dedicare al loro design. Quando si parla di Web Design si intende l’insieme di tutte quelle attività tecniche e grafiche che consentono il corretto funzionamento del sito web: dalla scelta dei colori e dell’impaginazione fino alla User Experience, ecco perché tutto va pianificato nel dettaglio.

Quando crei un progetto di Web Design ci sono delle linee guida che ti garantiscono di procedere al meglio:

  • Stile chiaro, pulito e riconoscibile: significa avere dei colori e una grafica riconoscibile che utilizzerai anche per le altre comunicazioni sia sul web che nel marketing tradizionale.
  • Pagine in ordine e con una struttura ben definita: il mio consiglio è quello di creare due menù, uno principale con le pagine più importanti da posizionare nell’Header e uno secondario da posizionare nel Footer.
  • Ottimizzazione per il mobile: questa è praticamente obbligatoria visto che il numero sempre maggiore di visite da smartphone.

La mia scelta in termini di Web Developer è WordPress e i motivi sono semplici:

  • Semplicità nel creare la struttura (esistono anche template già pronti o temi che ti consentono una costruzione intuitiva)
  • Facilità di gestione e aggiornamento (perfetto per blogging)
  • Costi limitati

In questo settore la scelta del CMS WordPress non sempre mette d’accordo tutti i pareri dei Web Designer, ma a mio avviso bisognerebbe riflettere sui motivi per cui importanti marchi hanno scelto WordPress, qualche nome su diversi argomenti: Sito ufficiale di Mercedes, Roberto Saviano, Tech Crunch, Sito ufficiale della Svezia, Wired, Panorama, CNN, Jay Z, Rolling Stone, Il sito della Walt Disney, The New York (una delle principali testate online negli USA), Vogue, Usain Bolt, Sony Music.

Ancora dubbi sulla scelta di WordPress?

Come installare WordPress

creare sito web con wordpress

Una volta scelto il nome del domino va sulla web host che hai scelto, come Siteground e acquista il tuo pacchetto di domino + hosting (ottimo servizio di hosting scelto dai maggiori marketer e blogger). Di solito quando acquisti un piano di hosting per il tuo sito web devi installare WordPress, ma nel caso di Siteground puoi direttamente acquistare un piano con WordPress preinstallato così che tu non debba fare alcuna configurazione.

Quando hai completato l’acquisto e quindi hai inserito tutti i dati del tuo sito e i tuoi dati personali puoi iniziare con le azioni preliminari.

Nel caso in cui tu avessi scelto un’altra azenda per il tuo pacchetto, vai nell’area di amministrazione e trova una sezione WordPress, sicuramente troverai anche un pulsante con scritto: Installa WordPress.

Per Siteground il percorso è questo: AccountSiti webSite toolsWordPressInstalla e gestisci. Compila con tutti i tuoi dati e i dati del sito, l’installazione guidata è molto semplice e intuitiva.

installare-SSL-su-siteground

Una volta installato WordPress la prima azione da compiere è quella d’installare il certificato SSL, per proteggere il sito e attivare la spunta Sito Sicuro. Con Siteground è semplicissimo, vai sul tuo account, sezione siti web, site tools e una volta dentro clicca su sicurezza dopodiché vedrai la scelta SSL all’interno del menù.

installazione-SSL

Per installare l’SSL ti basta scegliere la prima opzione nella tendina dopodiché cliccare su ottieni e il gioco è fatto.

certificato-di-sicurezza-SSL

Per verificare che tutto sia andato correttamente fai un check nella parte alta del tuo sito web, clicca sul lucchetto accanto all’URL. Se il tuo sito compare ora con l’https davanti al nome dominio e cliccando sul certificato leggi “La connessione è protetta“, il certificato è stato installato in modo corretto.

impostazioni wordpress

Impostazioni di WordPress

Da questo momento in poi si può partire con il creare il sito web o creare un blog, una volta dentro WordPress la prima azione da compiere è quella di settare le impostazioni in modo corretto.

Come entrare nel tuo sito web WordPress?

Il modo più semplice è quello di digitare il tuo sito web seguito da /wp-admin dopodiché ti apparirà una schermata in cui dovrai inserire i dati che hai ricevuto via email da Siteground.

Le impostazioni di WordPress si trovano nella parte bassa del menù a sinistra, percorrendo quindi le varie voci dal basso verso l’alto. Partendo dalla sezione Impostazioni – Generali inserisci:

  • il nome del sito web
  • il motto, una frase importante
  • l’url completo con l’https, quindi per esempio: https://www.kasadellacomunicazione.it/
  • il tuo indirizzo email
  • togli la spunta a “chiunque può registrarsi”
  • ruolo predefinito dei nuovi utenti lascia “sottoscrittore”
  • inserisci la lingua italiana se si tratta di un sito in italiano
  • imposta il fuso orario di Roma se il tuo sito è in italiano
  • inserisci il formato data e ora che preferisci
  • nel campo “la settimana comincia di…” inserisci “lunedì” in modo da non avere problemi nel caso tu voglia programmare l’uscita degli articoli in specifiche date

Nella sezione Impostazioni – Scrittura puoi scegliere la categoria principale dei tuoi articoli, ma ovviamente ne devi creare alcune nella sezione Articoli – Categorie.

La parte più importante delle impostazioni è la Sezione Permalink, in cui ti consiglio di modificare subito l’aspetto dei tuoi link. In impostazioni comuni inserisci “Nome dell’articolo”, così quando creerai una nuova pagina o un nuovo articolo una volta pubblicato prenderà il nome del titolo che hai dato invece che un codice senza senso.

Installazione del Tema WordPress

Ora passiamo alla parte più divertente, cioè quella dell’installazione del Template per siti web, il tema WordPress è composto da un insieme di file che danno l’aspetto al tuo sito web, per aspetto si intende tutto ciò che riguarda il design: colori, font, dimensioni, opportunità di creare moduli particolari come form contatti, optin, slider immagini e tanto altro ancora.

Esistono tantissimi Temi WordPress, ma a mio avviso il tema migliore e più professionale sul mercato è Divi, dai un’occhiata al sito di Divi.

In realtà chiamarlo Tema è riduttivo perché ti permette di creare un sito web professionale grazie a tantissimi moduli personalizzati che puoi aggiungere senza sovraccaricare il sito con troppi plugin.

Il motivo per cui si distingue è che utilizza una modalità di costruzione che si chiama Website Builder, cioè la possibilità di realizzare le tue pagine dal vivo vedendo subito il risultato finale e scegliendo ogni singolo elemento stilistico.

Molti partono con temi WordPress gratuiti, ma il mio consiglio è se vuoi creare un progetto professionale valuta l’offerta di Divi, un investimento solo nella vita che ti consente di avere funzioni e aggiornamenti a vita con il pacchetto completo.

Leggi anche:

Come installare tema WordPress

Alcune delle opportunità di Divi:

Ottimizzazione automatica dei tuoi contenuti per tutti i dispositivi desktop, tablet, mobile, inserimento di moduli come titoli, paragrafi, immagini, video, file in pdf, slider scorrevoli d’immagini ideali per chi vuole creare un porfolio, form contatti, form optin per newsletter con collegamento al proprio programma di email marketing, form testimonianze, pulsanti personalizzati, inserimento di mappe, codici (se vuoi), sidebar personalizzate per il blog, possibilità d’inserire facilmente banner pubblicitari e tantissime altre.

Guarda l’offerta di Divi attiva ora

Prova le funzionalità del tema più completo al mondo con la divi demo che puoi attivare sul sito senza impegno e senza lasciare alcun contatto.

Installazione dei Plugin WordPress

La forza di WordPress sta proprio nei plugin, motivo per cui scelgo questo CMS per creare un sito web o un blog, perché in base al progetto che vuoi sviluppare hai a disposizione migliaia di plugin gratuiti per estendere le funzionalità del tuo sito web.

Ovviamente come detto sopra, acquistando Divi, molti di questi plugin non ti serviranno perché all’interno del tema queste funzioni saranno già presenti. Ricorda di non installare mai più di 30 plugin, questo è un limite massimo che ti consiglio di non superare per evitare un sovraccarico e rallentamenti.

Ecco una lista di plugin WordPress gratuiti indispensabili:

  • Askimet
  • Yoast SEO per ottimizzare i tuoi contenuti, un ottimo plugin per fare SEO On page 
  • Duplica pagina
  • BackUp WordPress
  • Cookie notice
  • EWWW Image Optimizer per ottimizzare le immagini
  • Redirection per sistemare eventuali redirect quando modifichi gli url delle tue pagine.
  • WP Content Copy Protection with Color Design questo serve per bloccare il tasto copia del mouse ed evitare che i furbetti copino il tuo contenuto.
  • WP Super Cache per creare un valido sistema di cache sul tuo sito web.
  • WooCommerce il programma più famoso per creare un e-commerce con WordPress (ovviamente solo se vuoi vendere qualcosa sul tuo sito web).
  • Google analytics by monsterinsights che ti permette di collegare il tuo account Google Analytics al tuo sito web.
  • Contact form 7 utile per creare form contatti sulle tue pagine, se hai Divi non ne hai bisogno, così come non hai bisogno di plugin per collegare il tuo programma di Email Marketing tipo Mailchimp. Con Divi hai a disposizione una marea di moduli inclusi, evitando così l’installazione e la gestione di moltissimi plugin.

 

Leggi la mia Guida Completa sul Tema WordPress Divi.

Come craere un sito web – step 6

Creazione del contenuto

creare sito web content

Il passo successivo è quello di creare i contenuti del tuo sito web, le pagine e gli articoli, di seguito alcune informazioni importanti e consigli utili per scrivere i tuoi testi in ottica SEO Copywriting.

Il mio consiglio è quello di creare prima un piano editoriale per tutti i contenuti del tuo sito, mentre nel caso tu voglia aprire un blog stilare una scaletta delle categorie principali e degli articoli che scriverai.

Leggi:

Come Creare un Piano Editoriale

Come creare un sito web – step 7

Copywriting & SEO

Le due discipline vanno a braccetto, perché chiunque scriva per il web dovrebbe conoscere l’ottimizzazione per i motori di ricerca SEO.

Il SEO Copywriter è quella figura che si occupa della scrittura di contenuti efficaci per il web in ottica SEO. (Utile in questa ottica è il Plugin Yoast Seo, leggi il mio articolo)

Per la creazione di un buon piano editoriale per il sito web o blog è necessario che tu sappia quello di cui hanno bisogno i tuoi utenti, alcune domande utili possono essere:

  • Quali sono le keyword più cercate? (fai una lista in ordine di volume di traffico)
  • Quali sono le frasi esatte e le domande che si pongono? (per esempio: Come creare un sito web?)
  • Quali sono gli argomenti correlati che puoi indicare in approfondimento per essere esaustivo?

Se sei alle prime armi con la SEO e vuoi degli elementi semplici da considerare per una buona strategia SEO ecco gli aspetti più importanti:

  • Velocità del sito (puoi controllare la tua velocità su: Page Speed Insights di Google)
  • Creazione di una struttura piramidale dei contenuti in modo da rendere semplice la navigazione (se hai un blog, fondamentali in questo senso sono le categorie)
  • Collaborazioni per eventuali guest posting per farti conoscere e ottenere backlink in target in base agli argomenti che tratti

Seguendo queste 3 semplici regole alla lettera avrai già 3 spunti utili per strutturare la tua strategia SEO, infatti i tre punti indicati si configurano all’interno delle tre macro categorie della SEO: Seo on Site, Seo off site, SEO on Page.

Ci sono diverse piattaforme che ti possono essere utili per l’analisi della SEO, le principali sono: Seozoom e Semrush.

I contenuti rappresentano con certezza l’aspetto più importante per l’ottimizzazione sui motori di ricerca, ecco perché strutturare un piano editoriale dentro il quale inserire le ricerche più comuni degli utenti è vitale per la sopravvivenza del tuo blog.

Invia la sitemap con Google Search Console

creare sito web sitemap

Quando hai terminato di creare un sito web o un blog è fondamentale inviare la Sitemap a Google, cioè una pagina con l’elenco dei contenuti del sito web: pagine, articoli, media. Questa è un’operazione molto semplice che si può fare con il programma gratuito di Google: Google Search Console.

Leggi:

Come inviare una sitemap a Google

Piattaforme per creare un sito web

Ci sono diverse piattaforme che ti consentono di creare un sito web gratis, alcune con layout vetrina pagando un abbonamento mensile, altre invece con la possibilità di creare un sito a pagamento professionale, ma comunque a mio avviso spesso limitante perché presenta funzionalità fisse e non estendibili.

Le piattaforme per creare siti più note sono:

WordPress.com (diverso da WordPress.org)

Blogger

One minute site

Altervista

Weebly

Il mio consiglio? Crea il tuo sito con WordPress.org, perché semplice, aggiornabile facilmente e puoi estendere le sue funzionalità con i plugin in base alle tue esigenze. Inoltre cosa importante e spesso sottovalutata: quando acquisti un tuo spazio hosting il sito è di tua proprietà, svincolandoti così da altre piattaforme.

Conclusione

All’interno di questo post ti ho illustrato i principali step su come dare vita al tuo progetto in modo efficace e ottimale creando così la tua presenza online. Ricorda di tenere conto di questi aspetti e vedrai che i risultati che stai cercando arriveranno presto. La costanza premia sempre.

 

Un saluto

Nadia

P.S.: Hai domande su come sviluppare un sito web? Lascia un commento.

Guarda l’hosting migliore per creare un sito web.

Velocità, sicurezza, assistenza 24/24

Registrazione dominio gratis per 1 anno.

Articoli consigliati per te:

Scritto da Nadia Kasa
Ciao! Mi chiamo Nadia Kasa e da settembre 2019 ho creato questo Blog per dare consigli sulla Creazione di progetti online efficaci, grazie al Blogging e all’Ottimizzazione SEO. Contattami per la Realizzazione di siti web in WordPress e per Consulenze SEO.

Ultimi articoli

Hai qualche domanda? Lascia un commento.

Mi fa piacere rispondere alle tue domande e sapere cosa ne pensi dell’articolo, lascia un commento.

6 Commenti

  1. Matteo

    Guida FANTASTICA! Grazie a te ho aperto finalmente il mio sito web, ancora grazie mille! Continuerò a leggere i tuoi post 😀

    Rispondi
    • Nadia Kasa

      Ciao Matteo, mi fa piacere leggere che ti sia stata utile.
      In bocca al lupo per il tuo progetto! 😊

      Rispondi
  2. Piero Giordano

    Ciao Nadia,
    bell’articolo, grazie per condividerlo.
    Concordo con te sull’utilizzo di WordPress per realizzazione dei siti web.
    Quello di cui invece cercho di non abusare sono i plugins che tendono ad appesantire esponenzialmente il sito web e quindi a rallentarne le funzionalità con ripercussioni lato UX e ovviamente lato SEO.
    Poi certamente, ci sono plugins più leggeri e altri molto più pesanti. Alcuni sono (quasi) essenziali, altri alle volte si possono evitare con poche righe di codice.
    Sei d’accordo?

    Rispondi
    • Nadia Kasa

      Ciao Piero,
      in linea di massima sono d’accordo, infatti consiglio sempre di avere pochi plugin.
      Poi certo che negli anni se il sito cresce è inevitabile trovarsene installati una ventina (a volte qualcosa di più), direi che è un numero accettabile,
      è utile ogni mese o ogni tot. mesi fare un controllo sui plugin (se pesano troppo o rallentano alcune pagine meglio pensare ad un’altra soluzione) e una pulizia cancellando quelli che non vengono più utilizzati o che possono appunto essere sostituiti con il codice.
      Un saluto

      Rispondi
  3. Gabriele

    Voglio creare un sito web per passione

    Rispondi
    • Nadia Kasa

      Ottimo Gabriele, è un buon punto di partenza!

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest