Storia di Google: i primi passi

Lo utilizziamo ogni giorno per le ricerche più disparate: cercare le ultime news, guardare il meteo, trovare delle informazioni su qualcuno di noto (o non), individuare i contatti utili etc.

E ancora utilizziamo tutti i servizi che ci offre: Gmail, Youtube, Google Analytics (per chi studia i dati online), Google Drive per archiviare e condividere i nostri Files, il Calendario dove appuntare tutti i nostri appuntamenti. Senza citare Google Home (personalmente sono stata la prima a comprarlo) l’assistente vocale più famoso al mondo.

Google è il motore di ricerca più famoso e utilizzato al mondo, eppure quanti di noi conoscono la storia di questa azienda americana entrata nei nostri personal computer?

La storia di Google: l’inizio

Come tutte le grandi aziende, Google nasce da un’idea, la visione di due uomini: Larry Page e Sergej Brin.

Larry Page cresce in una famiglia di informatici, suo padre era un professore di informatica all’università del Michigan, mentre la madre insegnava programmazione. Cresciuto tra pc e riviste specializzate di informatica, dopo la laurea in informatica all’Università del Michigan si trasferisce a Stanford per un dottorato, dove conosce e diventa amico di Sergej Brin.

Sergej Brin nasce a Mosca da una famiglia di origini ebraiche, si trasferisce negli USA all’età di sei anni. Appassionato alla matematica segue i passi del padre e della madre, si laurea a pieni voti in Matematica e Scienze informatiche presso l’Università del Maryland, College Park. Si trasferisce a Stanford per frequentare dei corsi e qui conosce Larry Page.

La storia di Google nasce dall’amicizia di due geni dell’informatica.

 

Come nasce Google?

Larry Page e Sergej Brin iniziarono a lavorare ad un progetto sulla catalogazione dei contenuti, presso l’Università di Stanford. I due iniziarono a lavorare allo sviluppo di un algoritmo che fosse in grado non solo di catalogare i risultati in base al numero di volte che il termine compariva in una pagina, ma anche in base alla rilevanza della pagina stessa (numero di link). I due informatici chiamarono questo algoritmo Pagerank, e questo rappresenta ancora oggi la modalità di ricerca predefinita di Google.

Comprese le potenzialità del progetto, Larry Page e Sergej Brin fondarono una piccola start up nel garage di un’amica in comune Susan Wojcicki (oggi Presidente di Google), presso la città di Menlo Park, in California.

Google nasce il 4 settembre del 1998, quando i due fondarono l’azienda, anche se la data di anniversario ufficiale scelta dai due è il 27 settembre (giorno in cui fu registrato il marchio).

Come nasce il nome Google

I fondatori del motore di ricerca pensavano ad un nome che rappresentasse al meglio la funzione di Google, cioè la ricerca. Quindi, pensavano ad una parola legata al “parlare”. E al grande numero di ricerche contenute sul web.

Così, decisero ad un nome già esistente, un termine utilizzato per la prima volta dal nipote del matematico statunitense Edward Kasner nel 1938, per riferirsi al numero rappresentato da 1 seguito da 100 zeri.

Il termine di Kasner era però scritto Googol, ma al momento della registrazione non sapendo come si scrivesse decisero per “Google”. Nonostante l’errore decisero di mantenere il nome, visto che il dominio era ormai acquistato e il nome del marchio registrato.

 

Google cresce

In un primo momento i fondatori optarono per la vendita di Google, senza però ottenere successo. In seguito, si resero conto dell’enorme potenzialità di Google e iniziarono a comprendere come monetizzare quello che facevano.

All’inizio del 1999 la società si trasferisce in un ufficio di Palo Alto e il numero di impiegati cresce e alla fine dello stesso anno si trasferisce nuovamente in una sede ancora più grande: il quartier generale a Mountain View in California.

 

Quante lingue parla Google?

Negli anni 2000 Google è diventata internazionale, avendo una versione per ogni Paese del mondo (recentemente è nata la versione cinese).

Ecco tutte le lingue che parla Google:

Afrikaans

Akan

Albanese

Amarico

Arabo

Armeno

Azero

Basco

Bengalese

Bielorusso

Bihar

Bosniaco

Bretone

Bulgaro

Cambogiano (Khmer)

Catalano

Ceco

Cinese semplificato (Google Cina è il secondo motore di ricerca più usato nella Repubblica Popolare Cinesedopo Baidu.)

Cinese tradizionale

Coreano

Corso

Creole Haitiana

Croato

Curdo

Danese

Ebraico

Esperanto

Estone

Faroese

Filippino

Finlandese

Francese

Frisone occidentale

Gaelico Scozzese

Gallese

Gallico

Georgiano

Giapponese

Giavanese

Greco

Guaranì

Gujarati

Hausa

Hindi

Igbo

Indonesiano

Inglese (Regno Unito)

Inglese (Stati Uniti)

Interlingua

Irlandese

Islandese

Italiano

Kannada

Kazako

Kinyarwanda

Kirghizo

Lao

Latino

Lettone

Lingala

Lituano

Luganda

Luo

Macedone

Malayalam

Malese

Malgascio

Maltese

Māori

Marathi

Creolo mauriziano

Moldavo (Romania)

Mongolo

Montenegrino

Nepalese

Norvegese

Norvegese (Nynorsk)

Occitano

Oriya

Oromo

Pashto

Persiano

Polacco

Portoghese (Brasile)

Portoghese (Portogallo)

Punjabi

Quechua

Romancio

Rumeno

Runyakitara

Serbo

Serbo-Croato

Sesotho

Setswana

Shona

Shqip

Sindhi

Singalese

Slovacco

Sloveno

Somalo

Spagnolo

Sundanese

Svedese

Swahili

Tagico

Tamil

Tataro

Tedesco

Telugu

Thai

Tigrino

Tongano

Turco

Turkmeno

Twi

Ucraino

Uiguro

Ungherese

Urdu

Uzbeko

Vietnamita

Xhosa

Yiddish

Yoruba

Zulu

Google approda in borsa

Nel 2004 Google apre in borsa e apre la sua offerta iniziale ad 85 dollari. La vendita delle azioni cominciò ad alzarsi e fece balzare il valore di Google a circa 27 miliardi di dollari, rendendo così i fondatori e tanti altri investitori milionari in poco tempo.

Più aumenta il suo valore, più Google acquisisce nuovi servizi che le fanno avere il primato come motore di ricerca, come Youtube.

Google oggi

Secondo il quotidiano Qui Finanza, Google nel 2018 vale 302,1 miliardi di dollari, seguita da Apple che vale 300,6 miliardi di dollari.

Una storia di successo da cui si può imparare molto.

Se l’articolo sulla storia di Google ti è piaciuto metti un like e condividi sui social.

 

Un abbraccio.

Nadia

ARTICOLI POPOLARI

 Migliori siti web del 2019

LEGGI ANCHE

Testo protetto da Copyright

Pin It on Pinterest

Share This