Semrush: Guida al SEO tool più professionale al mondo

da | Ago 19, 2020 | SEO | 0 commenti

SEMrush

SEMrush è un software di web marketing che fornisce una serie di strumenti per fare SEO – l’ottimizzazione dei siti web sui motori di ricerca – al fine di posizionare un sito web tra i primi risultati.

Oggi quando si parla di motori di ricerca si fa riferimento soprattutto a Google, nonostante in minor parte anche altri abbiano una loro rilevanza come Bing e in altri Paesi Yandex (Russia) e Baidu (Cina). Quindi, conta molto anche per quale Paese e lingua ottimizzi un sito web perché conoscere il mondo in cui un algoritmo attribuisce valore a un sito è fondamentale.

Detto ciò, noi oggi rimaniamo in casa, cioè in Europa e Stati Uniti dove Google occupa il primo posto per quanto riguarda le ricerche degli utenti occidentali. In particolare, con questo articolo ti voglio parlare dell’evoluzione che ha avuto la SEO negli ultimi anni e di come grazie a buone competenze e al supporto di un SEO tool professionale puoi migliorare il tuo posizionamento organico ottenendo più visibilità.

Semrush: che cos’è

semrush

SEMrush è un programma di web marketing che offre una serie di strumenti utili all in one per analizzare le parole chiave, studiare la concorrenza e quindi i siti web dei tuoi competitor per comprenderne le strategie, verificare l’utilizzo di backlink per aumentare l’autorevolezza, fare site audit del sito web per valutare la “salute del sito”, ottimizzare campagne pubblicitarie e creare report professionali dei progetti inseriti.

Si tratta di uno strumento molto popolare, soprattutto negli Stati Uniti dove viene utilizzato dai massimi esperti di SEO e non solo. Ci sono i reparti di web marketing di molte aziende famose che utilizzano SEMrush e che hanno rilasciato delle testimonianze incredibili come: eBay, Quora, HP, BNP Paribas.

La società SEMrush è stata fondata a Boston nel 2008 Oleg Shchegolev e Dmitry Melnikov con l’obiettivo di creare un software di analisi dei dati su siti web e sui mercati. Oggi, gli strumenti si sono evoluti e comprende anche lo studio dei concorrenti, l’analisi avanzata del sito web e di eventuali problemi tecnici così come alcune interessanti funzionalità sui backlink. Nel tempo la società è cresciuta molto diffondendosi negli Usa, in Europa e in Russia grazie al suo ricco database d’informazioni in tantissime lingue del mondo.

Semrush: perché è importante

semrush vantaggi

Rispondere a questa domanda determina per forza di cause maggiori una premessa, puoi fare SEO in modo gratuito per capire i principi di base dell’ottimizzazione on page, cioè l’ottimizzazione del contenuto. Ma non puoi fare SEO in modo professionale senza uno strumento adeguato.

Probabilmente un tempo era più semplice perché le dinamiche erano differenti, esistevano pochi siti web e bastavano delle ottimizzazioni di base per poter raggiungere i primi posti su determinate query. Al momento non è più così, motivo per cui è importante avere delle competenze di base ed è fondamentale avvalersi degli strumenti giusti.

Gli esempi funzionano sempre meglio, per intenderci sul significato di queste parole è come voler fare il cuoco con un set di pentole da 3€ comprato in un discount. Magari quello che cucini è mangiabile, ma definirlo buono…

Oltre a questo esempio scritto più che altro per farti sorridere un po’ visto che di solito questi argomenti sono piuttosto “seriosi” ti basta considerare che la maggior parte dei tool gratuiti che trovi sul web ti danno dei dati approssimativi sulle tendenze. Attenzione, in un primo momento ci può anche stare dargli un’occhiata eh, ma è ovvio che per creare una strategia SEO nel lungo periodo e fare in modo di avere tutte le carte in tavola non basta il tool gratuito.

Purtroppo se ci fai caso e ti guardi intorno avrai notato anche tu che di solito le cose “gratis” hanno poco valore e tendenzialmente ciò che compri vale di più. Qualche eccezione esiste, ma è rara. Detto ciò, la maggior parte dei tool professionali ti consente comunque di accedere a una prova gratis di 7 giorni, in questo caso io essendo partner di SEMrush ho la possibilità di farti accedere a 14 giorni gratis, quindi se vuoi iniziare a praticare da subito ecco il link:

SEMrush Gratis per 14 giorni

Ritorno sul focus di questo paragrafo, ti elenco di seguito perché scegliere SEMrush dopo averlo utilizzato per più di un anno e aver avuto una crescita piuttosto importante di questo blog:

  • Puoi fare una ricerca su un argomento, su una parola chiave, su un dominio tuo o di un tuo concorrente.
  • Ti dà dati sul traffico che di solito corrispondono alla realtà, devi sapere che in effetti tutti i programmi non hanno un’attendibilità al 100% sui dati relativi al traffico delle singole keywords. Ho notato che SEMrush, rispetto ad altri ha una maggiore affidabilità.

Quindi per intenderci, se per la keyword “Google” Semrush ti dà 16 milioni di ricerche medie mensili, significa che questo numero è abbastanza vicino alla realtà.

  • È uno strumento di marketing a 360 gradi quindi è perfetto se insieme a una strategia SEO vuoi abbinare anche un’analisi del mercato per ottimizzare le tue campagne di Google ADS.
  • Accedi all’opportunità di scoprire aspetti della SEO più avanzati, come metriche sulle performance del sito grazie al SEO Audit e di rimanere aggiornato sull’andamento del tuo sito web.
  • Hai la possibilità di tenerti aggiornato sulle novità del mondo SEO, grazie al Blog SEMrush Italia costantemente aggiornato e al gruppo Facebook attivo (questo in realtà anche senza abbonamento).

Questi sono solo alcuni dei vantaggi di SEMrush che mi vengono in mente senza fare troppi papiri che probabilmente sarebbero poco utili.

Semrush: alternative

seozoom

Come per ogni servizio fantastico esistono comunque sempre dei PRO e dei CONTRO, in questo caso sicuramente i PRO sono maggiori e nei CONTRO trovi soltanto alcuni aspetti prettamente legati al budget e al tuo livello di conoscenze.

SEMrush è uno strumento professionale, di conseguenza per utilizzare al massimo le sue funzionalità necessita di un minimo di conoscenza della SEO. Attenzione, in realtà il tool è molto semplice e intuitivo grazie al comodo menù con cui trovare tutti gli strumenti, il senso è che:

Più conosci la SEO e più utilizzerai al massimo le sue funzionalità e quindi saranno soldi ben spesi.

Ecco perché per chi inizia da zero e vuole invece avere un approccio più di studio e di ricerca può avere senso optare per qualcosa che ha un costo minore e che ti garantisca comunque di fare un’ottima ottimizzazione dei contenuti.

Se ti ritrovi nelle parole che ho scritto ti consiglio di valutare il tool SEOZoom, una suite di SEO tutta italiana che ti consente di accedere alla maggior parte delle funzionalità di SEMrush a un costo un po’ più contenuto.

La discriminante a mio avviso sta in 3 principali sezioni:

  • SEMrush è migliore per quanto riguarda tutta la parte relativa all’analisi del profilo backlink, riconosce con maggiore stabilità e costanza i link che puntano al tuo sito e ti permette anche di tenere d’occhio eventuali attacchi di negative SEO.
  • SEMrush ha buone funzionalità per chi si occupa anche di Advertising.
  • SEMrush è la scelta giusta se il tuo progetto è internazionale perché ti fornisce molti più dati sugli altri Paesi, mentre al momento Seozoom ha il database principale in italiano e uno in corso d’opera in inglese (solo analisi parola chiave, no analisi backlink).

Quindi, come vedi la scelta è completamente soggettiva, il mio consiglio è se sei un Blogger alle prime armi Seozoom può essere il tuo migliore alleato perché è perfetto per creare un piano editoriale e ottimizzare i contenuti delle tue pagine.

Se sei a un livello più avanzato, fai advertising e magari il tuo business include anche altri Paesi scegli SEM rush.

Terza opzione, se hai la possibilità di studiare la SEO e investire qualche risorsa provali entrambi per un periodo. Seozoom sarà il tuo migliore alleato per portare i tuoi contenuti al TOP (io lo uso ogni giorno!), Semrush ti aiuterà a sviluppare delle strategie di link building e di advertising.

In ogni caso se hai ancora dubbi in merito alla scelta ti rimando al mio articolo di comparazione dei due programmi in cui entro più nel dettaglio e alla Guida su Seozoom:

 

Semrush: come funziona

semrush-come-funziona

Come avviene anche per altri software SEO tutto parte dalla creazione di un progetto, vale a dire all’inserimento di un sito web da monitorare nella crescita. In base all’attivazione del tipo di abbonamento puoi creare 3, 15 o 25 progetti.

Ecco le informazioni che di solito vengono richieste quando si crea un nuovo progetto su Semrush:

  • Nome del progetto, puoi inserire semplice il nome del tuo sito web.
  • Url del sito web
  • Lista delle parole principali che vuoi posizionare, questa è una delle attività SEO più note e forse anche più sottovalutata di sempre. Se vuoi approfondisci qui l’argomento: Ricerca delle parole chiave
  • Elenco dei concorrenti, in questo caso non si intendono i concorrenti diretti offline, ma coloro che occupano le prime posizioni della SERP riguardo alle keywords che vuoi posizionare.
  • Integrazione con il sito web, di solito per far comunicare il sito web con un tool esterno si utilizza un codice di monitoraggio simile a quello di Google Analytics. Per WordPress è molto semplice, ti basta inserire il codice nella parte head di tutte le pagine del tuo sito web e il gioco è fatto!

 

semrush, menù

Funzionalità più importanti di Semrush

SEMrush è un tool con tanti strumenti, alcuni dei quali in aggiornamento ogni anno, di conseguenza elencarli tutti non avrebbe senso. Ha senso invece dirti quali sono a mio avviso gli aspetti più interessanti e le funzionalità che trovo davvero utili per crescere sui motori di ricerca e in generale sul web.

Partiamo seguendo l’ordine del menù di SEMrush, nelle prime voci trovi gli strumento che vengono maggiormente utilizzati dagli utenti in tutti i tool di questa categoria. Mi riferisco all’analisi di dominio e alla ricerca delle parole chiave che all’interno della piattaforma restituiscono dei dati davvero interessanti.

Esistono diversi menù all’interno della piattaforma, di cui quello che vedi di default – nell’immagine “tutti gli strumenti” – è il principale, ma se clicchi nella parte in alta vedrai che hai possibilità di scegliere il tipo di menù in base alle analisi che vuoi compiere.

Ho fatto degli screenshot ai vari menù per farti vedere la marea di funzionalità presenti, tutti i menù hanno in comune la possibilità nella parte finale di creare dei report personalizzati di cui ti parlerò dopo:

menù seo tool kit
menù-advertising-tool-kit
menù social media tool kit
menù content marketing tool kit
menù-competitive-research-tool-kit

Una volta che hai visto la quantità pazzesca di strumenti, ti illustro quelli più importanti e utilizzati per ottimizzare siti web e farli scalare sulle vette di Google! Ritorniamo alla selezione del menù a sinistra e andiamo su tutti gli strumenti cosi da avere una panoramica di tutte le voci principali dei vari menù.

Come ti dicevo nella parte in alto troviamo la voce probabilmente più utilizzata, cioè analisi dominio:

panoramica-dominio-semrush

Ma potrai notare anche tu stesso che a sinistra puoi selezionare vari tipi di analisi:

  • Panoramica dominio
  • Ricerca organica
  • Analisi Backlink
  • Advertising Research
  • Ricerca PLA
  • Display Advertising
  • Analisi traffico
  • Panoramica frase
  • Keyword Magic Tool
  • Keyword manager
  • Gap di keyword
  • Keyword Ad History

 

analisi-keywords-e-domini-semrush

Ricerca delle parole chiave in SEMrush

Iniziamo con il vedere la ricerca di parole chiave in SEMrush e i dati che possiamo ottenere, sempre continuando con l’esempio della parola Google. La prima cosa da fare è digitare nel box di ricerca la parola chiave, selezionare nell’apposita casella il Paese su cui vogliamo avere i dati ed ecco qui sotto le metriche restituite:

  • Il volume è il numero di ricerche medie mensili, in questo caso siamo su circa 16.6 milioni di ricerche.
  • La keyword difficulty, comune a tanti SEO tool, ti indica la difficoltà che incontrerai se vuoi posizionare quella parola. Nel caso di Google come vedi è altissima.
  • Il CPC è il valore economico della parola per ogni clic, come vedi nella schermata è abbastanza alto. Viene considerato un buon valore da 1€ in su, ovviamente ci sono diverse variabili da considerare in base al settore.
  • Global volume che vedi nel secondo box si riferisce al volume complessivo nel mondo e nella parte sottostante ogni bandierina corrisponde a un Paese con il suo relativo volume.
  • Risultati in SERP, qui c’è poco da spiegare nel senso che sono i numeri presenti in SERP quando si fa una ricerca.
  • Il trend, con un grafico simile a quello di Google Trend che ti indica una eventuale stagionalità della parola chiave o anche una stabilità annuale.

Nella parte sottostante invece, troviamo tutta una serie di suggerimenti al fine di creare un contenuto ottimizzato per quella ricerca. Le variazioni della parola chiave sono parole che il programma ti consiglia d’inserire nel tuo testo affinché Google comprenda di che cosa stai parlando nell’articolo, stessa cosa per le domande ed eventuali keyword correlate su cui puoi creare degli approfondimenti tematici.

Sotto invece troviamo la SERP con i primi siti posizionati in TOP 10, che sono poi quelli che contano.

analisi-keywords-semrush

Oltre alla voce Panoramica della sezione di analisi delle parole chiave c’è un altro strumento che negli anni gli utenti hanno imparato ad apprezzare e che utilizzano: il Keyword Magic Tool.

Ora, ipotizziamo che io voglia creare un contenuto per posizionare la parola Google che secondo i vari tool della SEO ha una difficoltà altissima. Potrebbe avere senso individuare un’altra keyword che ha un intento di ricerca simile, con un traffico inferiore, ma più semplice da posizionare (la strategia ideale!).

Ecco perché questo tool è molto utile, perché puoi scoprire tutti termini correlati a quello principale e decidere poi come strutturare il tuo contenuto.

keyword-magic-tool-semrush

Analisi dominio in SEMrush

Ora chiederai perché ho iniziato con la ricerca delle parole chiave, piuttosto che con la prima voce analisi dominio.

In realtà, la risposta è semplice.

Potresti non avere un sito web e iniziare a fare ricerca per un nuovo progetto, così da conoscere bene il tuo settore, capire i competitor posizionati nelle principali SERP e studiare le parole chiave ideali per il tuo progetto.

Questo è il processo giusto per la creazione di un progetto vincente.

Per l’analisi di un dominio il procedimento è lo stesso, copia a incolla l’URL del dominio all’interno del box di ricerca e clicca su cerca, vediamo insieme le metriche più interessanti che ci restituisce.

Qui le cose da dire sono tante perché i dati a disposizione sono numerosi, infatti oltre alla schermata seguente ha la possibilità di visualizzare altre aree nel sotto menù subito sotto le bandierine dei Paesi.

Ebbene sì, so che non te ne eri accorto. Semrush è pieno di menù.

Molti numeri sono intuitivi, ma vediamo insieme per capirci qualcosa di più, partendo dall’alto:

  • Numero di keyword posizionate con relativa percentuale in aumento o in calo, in base al periodo.
  • Traffico attuale, presunto dal programma. Ovviamente solo tu con Google Analytics puoi verificare effettivamente il traffico del tuo sito web.
  • Costo del traffico, in questo caso vedrai delle differenze importanti in base al tool, su Seozoom il traffico del sito vale 15k mentre qui quasi 5k, in questo sembra essere più rigido.
  • Traffico branded, cioè dettato dalle ricerche che gli utenti hanno fatto su Google con il tuo nome o nome della tua azienda.
  • Traffico generico, che è simile al secondo.

Nel grafico sottostante puoi visualizzare la crescita del traffico in base al periodo, impostando un massimo di due anni. Mentre, nei box ancora più giù vedrai la lista delle keyword principali e dei miglioramenti nelle varie SERP.

L’ultima parte è dedicata ai competitor, a sinistra trovi i concorrenti con cui ti sfidi più frequentemente nelle ricerche organiche, mentre a sinistra sempre gli stessi ma disposti in mappa, in modo da far comprendere la differenza dl volume di keyword tra loro e te.

ricerca-organica-sito-web-semrush

L’utilità del Topic Research

topic-research-semrush

Quando l’idea di un progetto è ancora nella tua mente e vuoi verificare se effettivamente esiste una domanda di mercato, ha senso utilizzare una delle funzionalità più interessanti di SEMrush: il Topic Research. In pratica, in questo modo puoi avere una panoramica chiara sulle reali potenzialità di un argomento e su eventuali contenuti utili per il tuo pubblico.

Utilissimo per tutti coloro che vogliono aprire un blog o ne voglio potenziare uno già online.

Analisi di Gap

gap-di-keyword-semrush

I SEO Specialist apprezzano anche l’analisi di gap, cioè una sezione dedicata in cui puoi analizzare:

  • Il gap di keyword: per capire come migliorare il tuo testo e quali sono le parole che potrebbero mancare.
  • Il gap di backlink: individuare le collaborazioni del tuo competitor per poter fare di meglio e aumentare la tua autorevolezza.

Diciamo che questo aspetto della SEO ha più senso vederlo nel momento in cui hai già un progetto avviato e vuoi migliorare il posizionamento dei tuoi contenuti principali.

Site audit di SEMrush

site-audit-semrush

Le altre funzionalità di rilievo si trovano tutte all’interno della sezione progetti che trovi nel menù e compaiono nel momento in cui inserisci un nuovo sito web. In particolare, la site audit che è comune anche ad altre piattaforme di web marketing qui merita un voto maggiore per precisione.

Una delle aree più sottovalutate della SEO è proprio la SEO tecnica, legata soprattutto al funzionamento del server, delle performance del sito e del codice in generale. Non tenere d’occhio tutti questi parametri nel lungo periodo può portare dei problemi:

Ecco perché esiste questa scansione delle pagine web per scovare eventuali errori e trovare poi il modo per correggerli da sè o con un esperto.

Report di SEMrush

Piccola nota che dedico alla sezione Report di SEMrush perché vale davvero la considerazione degli utenti, soprattutto quando hai diversi clienti da gestire. Il programma ti consente di creare report professionali personalizzati con i dati che più ti interessano e non solo, puoi fissare anche date specifiche e farteli inviare via email.

Meglio di così.

creare-report-su-semrush
layout-report-semrush

SEMrush prezzi

piani-e-prezzi-semrush

I prezzi di Semrush sono accessibili per chi ha già un’attività e vuole potenziare il proprio sito al massimo o studiare in modo più approfondito le dinamiche della SEO.

Ecco di seguito i 3 piani SEMrush a disposizione:

  1. Piano PRO: hai a disposizione 3 progetti, 10.000 risultati per report, 500 keyword da tracciare con aggiornamenti quotidiani.
  2. Piano GURU: hai a disposizione 15 progetti, 30.000 risultati per report, 1500 keyword da tracciare con aggiornamenti quotidiani, piattaforma di content marketing con template di layout SEO che puoi scaricare.
  3. Piano BUSINESS: se ti occupi di SEO e hai esigenze più importanti perché magari seguiti diversi clienti o possiedi più blog il piano business fa al caso tuo. I risultati per report sono 50.000, puoi inserire 25 progetti, le keyword da tracciare sono 5000 con aggiornamenti costanti e l’accesso alle API così da poter effettuare integrazioni.

Guarda tutti i piani di SEMrush

SEMrush Gratis per 14 giorni

semrush-free-per-14-giorni

Accedendo normalmente dal sito web hai la possibilità di fare una prova gratuita di 7 giorni, mentre con il pulsante di seguito potrai estendere questa prova fino a 14 giorni in modo completamente gratuito e se consideri che il primo piano ha un costo di 99,00$ è un’ottima opportunità.

Le grandi aziende usano SEMrush per un motivo preciso:

Le sue funzionalità possono mettere il turbo alla crescita del tuo progetto online, quindi il mio consiglio è quello di iniziare a prendere dimestichezza con questo strumento così da avere un vantaggio considerevole sui tuoi concorrenti.

Conclusione

All’interno di questa Guida SEO ti ho parlato di uno dei tool di web marketing più utilizzati negli Stati Uniti: SEMrush. Mi sono concentrata per lo più sull’argomento “ottimizzazione” perché è in linea con il piano editoriale di questo Blog. Negli anni questo programma ha esteso le sue funzionalità e risulta essere oggi anche uno strumento perfetto per chi vuole estendere la propria strategia digital anche su social media e advertising.

Rimango come sempre disponibile per eventuali domande e consigli sull’ottimizzazione del tuo progetto qui sotto nei commenti! Ti segnalo anche la mia recente Guida su Ahrefs, un altro tool SEO utilizzato dai professionisti.

Un abbraccio

Nadia

SEMrush
guida come creare un sito web di successo

CATEGORIE

NADIA KASA

imparare wordpress

Ciao! Mi chiamo Nadia Kasa e da settembre 2019 ho creato questo Blog per dare consigli sulla Creazione di progetti online efficaci, grazie al Blogging e all’Ottimizzazione SEO.

Contattami per la Realizzazione di siti web in WordPress e per Consulenze SEO.

Ultimi articoli

Hai qualche domanda? Lascia un commento.

Mi fa piacere rispondere alle tue domande e sapere cosa ne pensi dell’articolo, lascia un commento.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *