SEO: Ottimizzazione per i Motori di Ricerca. Guida Completa

da | Feb 17, 2020 | SEO | 0 commenti

SEOZoom

SEO acronimo di search engine optimization in inglese è la parola che indica l’ottimizzazione sui motori di ricerca, cioè l’insieme di quelle tecniche che ti permette di portare un sito tra i primri risultati sui motori di ricerca.

Se hai trovato questo blog è perché probabilmente vuoi farti un’idea maggiore su come posizionare un sito web, sia che lo faccia per un tuo blog/sito sia per un cliente a cui magari lo hai realizzato.

Una delle metafore che mi piace fare per far comprendere la SEO ai neofiti è che quando crei un sito web uno degli aspetti su cui dovresti focalizzarti è proprio il posizionamento, si perché è come vestirsi di tutto punto e poi andare ad una festa dove ci sono solo 3 persone.

L’obiettivo di ogni sito web è quello di avere un buon traffico qualificato (non parliamo per forza di grandi cifre) che si in target in base al settore di cui ti occupi e ai servizi e prodotti che offri.

Arrivare primi su Google è il sogno di tanti, ma a scalare le vette di Google sono in pochi in un mercato che diventa sempre più competitivo, motivo per cui il ruolo della search engine optimization sui motori di ricerca è sempre più importante.

seo-guida

Sei un blogger? Scarica l’infografica:

Guida alla SEO

Non devi lasciare nessuna email 🙂 solo citare la fonte/il sito quando la utilizzi.

Seo significato

seo significato

La SEO è l’ottimizzazione sui motori di ricerca, cioè quel complesso di pratiche volte ad aumentare il traffico sul proprio sito web in modo da migliorare la visibilità del proprio brand, acquisire autorevolezza in un settore e vendere online e offline.

Quindi si può dire che l’ottimizzazione sui motori di ricerca è strettamente legata ad altre materie del web come:

  • Blogging: fare blogging significa creare un blog di settore, redigere un piano editoriale, pubblicare contenuti costantemente in linea con le esigenze del tuo pubblico.  I blogger più affermati conoscono e applicano le strategie di ottimizzazione dei contenuti.
  • Copywriting: sulla rete ha tanti nomi, potremmo definirla scrittura persuasiva per il web, vale a dire conoscere le regole della comunicazione persuasiva.
  • Digital Marketing: il marketing digitale ma anche quello tradizionale, perché grazie ad una buona ottimizzazione SEO puoi migliorare il modo in cui il tuo pubblico ti percepisce. Posso affermare che la SEO è uno degli strumenti più potenti a disposizione nel Digital Marketing insieme ai Social, che però a mio avviso comportano un investimento economico maggiore.

Tutte queste discipline, unite alla Search engine optimization, portano un blog ad avere successo, quindi sicuramente le competenze di Consulente SEO – meglio noto sul web come Seo Specialist – devono essere trasversali e mirate al fine di migliorare il Ranking.

Ranking SEO Significato

Ranking deriva dall’inglese e significa classifica, posizione o ancora ordine, è una parola che viene utilizzata comunemente nel linguaggio digitale e si riferisce alla valutazione che Google dà ad un sito per stabilire il posizionamento nella Serp di Google, cioè nei risultati organici (non a pagamento come gli annunci) grazie al quale ottieni il traffico.

La storia della Seo parte negli Stati Uniti, infatti questo termine viene utilizzato per la prima volta in America, quando i primi webmaster negli anni Novanta ottimizzarono i primi siti web e si iniziò così a parlare di search engine optimizations. Le regole del gioco all’epoca erano diverse perché i siti sul world wide web erano pochi, quindi ottimizzare un sito era semplice, in ogni caso i Web master si resero conto dell’importanza di questa disciplina e negli anni le pratiche divennero sempre più fini e strategiche, soprattutto per keyword con un volume e CPC alti.

SEO locale, nazionale e internazionale

SEO, primi su Google

Prima di partire con qualsiasi ricerca, tool e redazione di contenuti è fondamentale capire qual è il tuo obiettivo di posizionamento per definire le giuste strategie. Una mappa che può esserti di aiuto per farti individuare la strategia giusta.

SEO locale

Seo locale: la local seo è considerata in qualche modo più semplice (per modo di dire), perché a meno che tu non abbia tanti competitor nella tua zona e tutti si dedicato ad ottimizzare il sito web hai in qualche modo un vantaggio. Quindi, prendiamo il caso di un ristorante a Bologna, potresti valutare tutta una serie di keywords da ottimizzare nelle tue pagine: ristorante bologna, ristorante italiano bologna (in base alla tipologia). Le scelte vanno fatte anche in base alla potenzialità della parola e allo studio dei concorrenti. Il servizio gratuito di Google My Business è una buona opportunità per tutte le attività locali che vogliono aumentare il traffico qualificato sul proprio sito.

SEO nazionale

Seo nazionale: il livello di complessità aumenta, perché spesso significa concorrere con siti web ben ottimizzati (vedi nel mio settore), ma ovviamente anche il ritorno in termini di visibilità e traffico cresce. Per attività localizzate in territori precisi non ha senso puntare a questo tipo di ottimizzazione SEO, sarebbe un dispendio di energie troppo alto. Se invece offri delle consulenze o di servizi e l’aspetto locale non ti interessa puoi puntare ad una ottimizzazione nazionale sui motori di ricerca.

SEO internazionale

Seo internazionale: composta da attività Seo avanzate volte ad acquisire posizionamento su più paesi, mi vengono in mente i grandi marchi del food e dell’abbigliamento ma anche grandi esperti di ottimizzazione Seo che hanno posizionato i loro siti anche per altri mercati. Questo dipende sempre dai tuoi obiettivi. Ha senso posizionare un sito negli USA se offri prodotti e servizi solo in Italia? Lascio a te la risposta.

Niente è scontato, quindi voglio dirti che in tutti e tre i casi se vuoi ottenere dei buoni risultati nel medio lungo termine è buona cosa rivolgersi ad un professionista, perché per quanto tu possa imparare (a meno che non ti stia formando nella materia) attraverso Guide e articoli ogni disciplina ha il suo livello di complessità.

In questa Guida puoi farti un’ottima idea, avere una panoramica e iniziare a fare delle ottimizzazioni di Seo on page sul tuo sito internet.

Posizionamento sui motori di ricerca

Spesso mi capita che le persone che si approcciano alla SEO da poco mi chiedano:

come essere primi su Google?

Bene, esistono delle regole in questa disciplina ma NESSUNO ha la bacchetta magica o la posizione perfetta per riuscirsi, dico nessuno. Esistono delle linee guida che ti possono far crescere e ottenere risultati nel medio-lungo periodo e sottolineo lungo periodo perché a differenza di altri metodi di marketing come le campagne di Google Adwords, i risultati si vedono solo dopo un periodo di lavoro, produzione di contenuti e ottimizzazione SEO sul motore di ricerca.

Sì, perché un altro aspetto della SEO spesso sottovalutato dai neofiti è il TEMPO, che ha un ruolo fondamentale nel posizionamento, ci sono keywords che si posizionano in 2 mesi, altre in 2 anni e nessuno ti può garantire la perfetta riuscita, nemmeno il miglior SEO Specialist del pianeta perché la scelta finale spetta soltanto a papà Google.

SEO: Le 10 Regole dell’ottimizzazione

ottimizzazione seo

A questo punto voglio riassumere qui i 10 regole dell’ottmizzazione Seo che ho scritto nell’ultimo anno, quindi basate sulla mia esperienza e “sperimentazione” in questo settore:

  1. Scrivi ottimi contenuti per le persone, si perché l’obiettivo finale della Seo non è arrivare primi su Google, ma soprattutto coinvolgere gli utenti in modo che si arricchiscano con le tue informazioni e dedicano di acquistare qualcosa. Scrivere contenuti per il tuo pubblico significa rispettare anche il search intent, cioè l’intento di ricerca dell’utente.
  2. Crea perfetti contenuti per Google, scrivere per le persone e scrivere per una macchina artificiale sono due cose distinte, quindi inizia a comprendere quali sono gli elementi funzionali per il motore di ricerca. Questo è fondamentale.
  3. Arrivi primo su Google ma poi non vendi niente, trovo che sia un dispendio di energie inutile che può essere finalizzato. Hai un traffico di 10.000 utenti ogni mese sul suo blog ma non sai che cosa farci? Qualcosa è andato storto fin dall’inizio, si perché prima viene l’obiettivo, poi l’ottimizzazione Seo. Prima scegli cosa vendere, poi fai scrivi il tuo piano di contenuti e fai Seo.
  4. Analisi del settore, credo sia uno degli aspetti più sottovalutati dai neofiti, dimostrato anche dalla quantità di contenuti esistenti sul web. Si crea crea crea contenuto ma non si ha un’idea della concorrenzialità del settore. Analizza un settore e scova le opportunità, ci sono diversi tool che lo fanno e dopo te ne faccio vedere alcuni.
  5. Crea una struttura ordinata: i big della Seo lo sanno bene, avere una struttura ordinata all’interno del sito sta alla base, quindi pagine, articoli e categorie creati con un senso preciso e in modo che il lettore possa trovare tutto quello che sta cercando.
  6. Ricerca parole chiave: fare ricerche con la keyword research è una delle attività maggiori, nel senso che molti riducono l’attività di ottimizzazione solo a quello, ma quello è solo uno dei tanti fattori Seo di cui tenere conto.
  1. Studia i competitors, lo studio dei competitor è una delle pratiche che nell’ultimo periodo mi sta facendo crescere di più. D’altronde questo non avviene solo sul web, il modeling è una delle principali attività che i migliori del settore fanno per raggiungere il successo in tutte le aree della vita.
  2. Fai relazione con altri blog di settore e se puoi magari scrivi anche per loro accrescendo così la tua visibilità e il tuo nome sul web.
  3. Monitoraggio delle performance: questo aspetto è VITALE per poter migliorare e scovare parole che magari non ti aspettavi di posizionare da utilizzare per aumentare il traffico. Ti parlerò di strumenti come Google Analytics e Google Search Console.
  4. Analisi con i tool della Seo: volumi che salgono e scendono, opportunità di crescita, grafici, analisi editoriale, tutti strumenti utili per portare i tuoi articoli al livello successivo.

Il ruolo di Google nella SEO

Come avrai intuito Google ha un ruolo cruciale perché quando parliamo di ottimizzazione in Europa e USA ci riferiamo soprattutto ai risultati nella ricerca organica di Google, nonostante ci siano altri motori come Yahoo, BaiduYandex e altri. Capirne il funzionamento e le best practies anche dal punto di vista tecnico è indispensabile.

Ricerca parole chiave

seo, ricerca parole chiave

Una delle attività più note nella SEO è la ricerca delle parole chiave o dall’inglese keyword research, cioè quell’attività volta ad effettuare una serie di ricerche delle keywords più utilizzate dagli utenti su Google.

SEO: Come cercare le parole chiave

Per fare una perfetta ricerca delle parole chiave bisogna calcolare una serie di parametri che sono:

 

  • Volume: il numero di utenti (definito anche traffico) che cercano quella parola ogni singolo mese su quel motore di ricerca, il volume cambia in relazione al periodo quindi dovrai vedere tu dai grafici quali sono i periodi più ricercati, di solito i tool danno una media mensile. Per cui mettiamo caso che la media mensile di una parola sia di 1000 ricerche mensili, significa che questo mese le ricerche potrebbero essere 500, mentre un altro 2000 e la media per mese durante l’anno è di 700.
  • Opportunità: significa quante sono le probabilità che la parola chiave si possa posizionare, un dato calcolato dai tool in automatico e non attendibile al 100%, ma comunque da prestare attenzione.
  • Difficoltà: il parametro difficoltà tiene conto soprattutto della concorrenza, se per esempio vuoi posizionare la parola abbigliamento uomo la concorrenza è fortissima perché tra le prime posizioni ci sono concorrenti come amazon e zalando.
  • CPC: è la resa economica, cioè quanto vale quella parola dal punto di vista economico e di conseguenza in relazione a questo se riesci a posizionare quella parola il valore del sito web aumenta.
  • Analisi della concorrenza: un aspetto da valutare sia con i tool che manualmente, quello che personalmente mi ha aiutato è l’osservazione della struttura della pagina, dei titoli, della lunghezza del testo, dei link interni e link esterni, delle immagini e dei backlink.

Tool Seo: analisi settore, analisi sito web e scrittura

Ho scritto un articolo che ti guida alla ricerca delle parole chiave e ai migliori tool Seo che ti invito a leggere. In questa Guida Completa sulla search engine optimization ti scrivo quelli che utilizzo io personalmente:

Google Trends: per analisi di settore

attività seo, google trends

Google Trends è il programma che utilizzo periodicamente per capire quali sono i trend online e le ricerche del momento e per fare ricerca sugli argomenti. Anche se non può essere considerato un vero e proprio tool Seo è comunque valido per avere una prima idea sugli argomenti e sui termini più ricercati. Lo strumento invece specifico di Google per la ricerca delle parole chiave è Google Keyword Planner, ottimo per iniziare ma non sicuramente per avere dei volumi di ricerca precisi, infatti i dati relativi ad ogni singola parola spesso hanno volumi come: da 100 a 1000, da 1000 a 10.000, e tra un numero e l’altro c’è una bella differenza!

 

Leggi anche:

Seozoom: per analisi Seo a livello nazionale (Italia)

seozoom

SEOZoom è il tool seo che utilizzo maggiormente perché a livello nazionale in Italia ha i risultati più attendibili nelle keywords, cosa che a volte i tool internazionali non riescono a fare.

Inoltre, essendo un programma italiano ha assistenza in italiano, un gruppo facebook di supporto, possibilità di chattare con un esperto per avere assistenza (di solito le risposte sono veloci e precise) e gli strumenti sono eccezionali.

Per citare alcuni degli strumenti che ritengo più validi:

  • Analisi completa di siti web
  • Analisi di settore
  • Ricerca approfondita di parole chiave: volume di traffico, opportunità, difficoltà, CPC, parole chiave correlate e parole chiave con lo stesso search intent.
  • Monitoraggio di parole chiave e url specifiche
  • Assistenza editoriale nella scrittura di articoli

Inoltre, spesso organizzano webinar e lezioni all’interno della loro Academy sia sul programma Seozoom sia sulla Seo in generale.

Scopri SeoZoom e accedi alla prova gratuita.

Semrush: per analisi Seo a livello internazionale (Italia e resto del mondo)

semrush

Semrush è il migliore tool Seo al mondo a detta di tutti i big del settore, le azioni che si possono compiere sono veramente tante e sicuramente è indicato per un pubblico più esperto e che ha esigenze specifiche.

Si va dagli strumenti più utilizzati come la ricerca delle parole chiave, l’analisi di siti web, fino a strumenti più complessi come il monitoraggio dei link in entrata. La scelta sta a te in base alle tue esigenze specifiche e ai tuoi obiettivi di traffico.

Diventa a mio parerequasi obbligatorio per chi fa progetti SEO internazionali.

Leggi anche l’articolo:

Semrush vs Seozoom

SEO: fattori di Google Pagerank

seo fattori ranking

I principali fattori Seo di Google Pagerank sono:

 

  • FATTORI DI DOMINIO: l’età del dominio, la storia del dominio, l’autorevolezza che ha acquisito negli anni, la parola chiave all’interno del dominio.
  • FATTORI DI PAGINA: titolo, tag title, tag description, url, qualità del contenuto, buona leggibilità, ottimizzazione dei media.
  • FATTORI ON SITE: questi fattori sono legati soprattutto alle performance, quindi alla velocità di caricamento delle pagine, in questo ti può essere d’aiuto il Page Speed Insights di Google che ti segnala la velocità del tuo sito web ed eventuali consigli per migliorarla. Un elemento determinante per la velocità del tuo sito internet è rappresentato dal server, quindi analizza le performance del server su cui si trova il tuo sito. Ecco perché la scelta dell’hosting WordPress riveste un ruolo importante.
  • FATTORI OFF SITE: legati all’accrescimento dell’autorevolezza del dominio, quindi citazioni e link da parte di altri blog e giornali del settore.
  • COMPORTAMENTO DELL’UTENTE: il tempo di permanenza dell’utente nelle pagine, l’user experience, la condivisione e i commenti quindi tutto ciò che è legato alle interazioni anche con i social.

Seo on Page

seo on page

La Seo on page è la fase dell’ Otimizzazione Seo a cui prestare maggiore attenzione perché è in relazione al content marketing, cioè alla creazione di contenuti ottimizzati indirizzati al tuo pubblico. Questa fase racchiude una serie di regole da seguire strettamente legate agli elementi strutturali della pagina.

Di seguito gli elementi più importanti.

Ottimizzare lo Snippet: i tag

I tag sono le righe di testo che costituiscono lo snippet e sono i primi elementi con cui l’utente entra in contatto. Infatti, i tre tag: tag title, tag meta description e lo slug (che sarebbe dell’url dopo il dominio) hanno un’influenza elevatissima per Google, senza dimenticarsi che è l’utente a dover essere catturato per portarlo al clic.

Tag title: con il tag title dovresti far comprendere l’argomento del post, quindi chiaro, pratico e non troppo lungo.

Meta description: una descrizione del contenuto dell’articolo utilizzando parola chiave e parole chiave correlate all’argomento.

Slug: qui ti consiglio di inserire la parola chiave principale.

Titolo

L’elemento della pagina che l’utente vede per primo quando clicca sul link è il titolo che dovrebbe riassumere l’argomento del post, l’intento di ricerca dell’utente e magari avere anche un tocco di creatività in modo che catturi l’attenzione e porti la persona a voler rimanere sulla pagina e leggere tutto il contenuto.

Contenuto

Tutti i più grandi blogger creano contenuti a Doc seguendo la SEO.

Di conseguenza direi che è la parte più importante, il mio consiglio è quello di creare un ordine di titoli, sottotitoli e paragrafi in modo che il testo sia pulito dal punto di vista estetico e leggibile. Cosa fondamentale è che la pagina sia mobile friendly, Google è un motore di ricerca che privilegia i siti ben leggibili, quindi odia i siti che hanno font minuscoli, testi non ottimizzati e animazioni eccessive quindi presta attenzione agli aspetti tecnici.

Plugin SEO

Prezioso strumento sia in versione gratuita che a pagamento è Yoast Seo, il plugin seo più utilizzato per l’ottimizzazione dei siti creati con WordPress. Esistono molti plugin WordPress, ma sinceramente dopo aver sperimentato gli altri questo rimane il migliore e di fatto è quello più utilizzato. Yoast seo ti dà tanti aiuti e suggerimenti su come ottimizzare il tuo testo, quindi ti consiglio di installarlo.

Ottimizzazione SEO delle immagini

La gestione dei media all’interno di un sito è legata a più fattori, il più importante è la velocità. Immagini che pesano molto o sono di grandi dimensioni tendono ad appesantire le pagine, quindi presta attenzione a questo aspetto. Privilegia il formato jpeg piuttosto che png o jpg e prima di caricare qualsiasi immagine su WordPress o altri CMS assicurati che abbia un buon peso e dimensioni adeguate allo scopo, altrimenti rischieresti di sovraccaricare il sito.

In questo senso ti può essere d’aiuto il plugin WordPress EWWW Optimizer che fa una scansione e ottimizza tutte le immagini di siti web in WordPress.

Struttura dei link interni

Google dà importanza agli approfondimenti, per cui se all’interno del tuo testo inserisci link interni di approfondimento pertinenti su quell’argomento che rimandano ad altri articoli che hai scritto sarà un punto in più per le tue pagine e i tuoi articoli e soprattutto per i tuoi utenti.

Seo off site

seo-off-site

La terza area della Search engine optimization viene chiamata Seo off site e riguarda tutte quelle pratiche che aumentano l’autorevolezza e prestigio del tuo dominio, Google non ama lo spam e non ama che il tuo sito venga linkato da siti di bassa qualità quindi tieni d’occhio i link in entrata e nel tempo acquisisci link da blog autorevoli e di settore in modo naturale e progressivo.

Ti sconsiglio di procedere in modo autonomo all’utilizzo di queste tecniche, ma di rivolgerti ad un professionista e te lo dico perché anche io all’inizio ho fatto alcuni errori con siti in passato e ho personalmente visto con i miei occhi un rapido calo a causa di errori nella scelta dei blog con cui collaborare e da cui farsi linkare.

Procedi con la scrittura di contenuti di qualità e metti sempre al centro delle tue scelte l’utente, vedrai che nel lungo periodo i tuoi sforzi saranno premiati.

Analisi dei risultati

analytics

Trovo sia incredibile il potere che ha l’analisi dei risultati, un tempo le davo poca attenzione ma mi sono resa conto che il successo di un posizionamento deriva da una continua analisi dei dati e conseguente ottimizzazione sul motore di ricerca.

Quasi ogni giorno controllo le dashboard dei due programmi di Google gratuiti più preziosi per la SEO: Google Analytics e Google Search Console.

Iscrivi il tuo sito web a Google Analytics e a Google Search Console.

Search Console è lo strumento più importante in una prima fase di realizzazione di un sito web ma anche durante, queste sono le principali azioni che puoi compiere con questo tool sono:

  • Inviare una sitemap a Google.
  • Inviare una richiesta di indicizzazione del sito (vedi dopo creazione iniziale o importante aggiornamento del web design).
  • Leggere la lista dei siti che linkano il sito.
  • Leggere la lista dei siti che hai linkato nel tuo sito web.
  • Rimuovere gli URL che magari non esistono più e ti creano degli errori 404.

Comprenderai anche tu come Google Search Console sia uno strumento potente e indispensabile per chi si occupa di siti web e ottimizzazione SEO.

Google Analytics

Google Analytics è un tool di Google, sempre gratuito, che ti permette di visualizzare il numero di visite che il tuo sto genera ogni giorno. In realtà si tratta di un tool che studia il comportamento dell’utente, infatti non si ferma solo al numero di visite ma compie una marea di altre funzioni:

  • Guardare il numero di viste di ogni singola pagina del tuo sito, il tempo di permanenza medio dell’utente.
  • Esaminare i numeri tra i nuovi visitatori e gli utenti che ritornano sul sito.
  • Vedere gli orari di maggiore lettura dei tuoi articoli e da quali dispositivi pc, tablet, smartphone.
  • Valutare le aree geografiche da cui ricevi più visite per migliorare la tua strategia di ottimizzazione Seo (vedi nel caso della local seo).
  • Comprendere il comportamento dell’utente attraverso le visite e i rimbalzi da una pagina all’altra e analizzare così quello che funziona.

Quasi ogni giorno guardo questo tool.

Consigli Seo e conclusione

All’inizio il primo approccio con la SEO può essere sconcertante, perché ci si rende che i fattori sono talmente tanti che studiarli tutti e tenerli in considerazione è complesso, richiede tempo e perseveranza.

Nell’ultima frase ho quindi riassunto le caratteristiche di chi vuole seriamente ottimizzare un sito internet e studiare le Seo, si tratta di una disciplina in continua evoluzione e che necessita studio costante. Nel breve periodo i risultati possono tardare, ma nel lungo può dare enormi soddisfazioni.

Per eventuali domande e chiarimenti scrivi pure nei commenti, se hai bisogno di consulenze e preventivi SEO ti invito a compilare il form consulenza alla fine di questa Guida SEO.

SEO: approfondimenti

Ho scelto due video dei più grandi esperti SEO nel mondo, Neil Patel e Brian Dean in cui danno consigli molto utili su come migliorare il proprio posizionamento nella serp.

Ti consiglio di attivare i sottotitoli in italiano.

Come arrivare primi su Google

In questo video Neil Patel ti spiega quali sono gli elementi fondamentali della SEO search engine optimization.

Search engine optimization: checklist 2020

Brian Dean riassume tutta lista degli elementi di ottimizzazione SEO più importanti nel 2020.

Siti web utili

Google Analytics: strumento Google per analizzare i dati del tuo sito web

Google Trends: programma per cercare i trend del tuo settore

Google Search Console: inviare la mappa del sito a Google (sitemap) e tenerlo monitorato per eventuali errori tecnici

Google page speed insights: verificare la velocità di un sito web

Google Mobile Friendly: strumento di Google per testare se il tuo sito web è ottimizzato per il mobile

Web page test: strumento per testare la velocità del sito web con indicazioni su come migliorare eventuali problemi

Guida all’ottimizzazione per i motori di ricerca: sito web di Google webmaster dove troverai tante guide e consigli sugli standard di Google

Google Keyword planner: strumento di Google per pianificare le parole chiave

Aggiungere un URL su Google

Ricerca parole chiave con Semrush: tool professionale per l’ottimizzazione SEO completa

Seozoom: il principale tool SEO del mercato italiano

Siteground: Hosting WordPress veloce per portare in alto le performance del tuo sito web

SEO Ranking Faktors: Studio sui Fattori di ranking del Blog Backlinko di Brian Dean

Schema.org: elenco di dati da inserire nelle pagine per far comprendere a Google la tipologia di contenuto

LEGGI ANCHE:

Marketing funnels: come lanciare il tuo business online

Email marketing: come scrivere email persuasive e quali sono i programmi professionali

Libri di marketing: la lista dei 50 libri TOP

Consulenza SEO

Hai un sito web e hai bisogno di un’ottimizzazione SEO professionale? Compila il form e richiedi informazioni senza impegno.

SEOZoom

CHI SONO

imparare wordpress

Ciao! Mi chiamo Nadia Kasa e dal 2019 ho creato questo Blog per dare consigli sulla Creazione di progetti online efficaci, grazie al Blogging e all’Ottimizzazione SEO.

Contattami per la Realizzazione di siti web in WordPress e per Consulenze SEO.

Ultimi articoli

Hai qualche domanda? Lascia un commento.

Mi fa piacere rispondere alle tue domande e sapere cosa ne pensi dell’articolo, lascia un commento.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Don`t copy text!
Share This